La cravatta di James Bond: cravatta in garza/grenadine

Il 31 ottobre 2020 a 90 anni è morto Sean Connery, il miglior interprete di James Bond oltre che attore di spicco nel mondo cinematografico. La star del cinema ha vestito i panni dell’agente segreto per sei volte e nel corso degli anni ha recitato anche in altri ruoli, ottenendo l’Oscar come miglior attore non protagonista de “Gli Intoccabili” nel 1987.

Il James Bond di Sean Connery è un uomo di grande classe ed eleganza e un raffinato donnaiolo, diventato icona del buon gusto a partire dalla cravatta in garza/grenadine, che abbiamo imparato ad apprezzare proprio grazie a lui.

La storia della cravatta in garza/grenadine

Sul sito di Wilmok puoi oggi trovare le migliori cravatte in garza/grenadine, la cui origine ha inizio con l’industrializzazione inglese. Nel 1809 in Inghilterra l’inventore John Heathcoat costruì il primo telaio adatto a produrre tessuto in garza, anche se la devastazione portata dai luddisti nel 1816 rischiò di far perdere per sempre questa invenzione. La distruzione del mulino per la produzione di tessuto in garza o grenadine non scoraggiò Heathcoat, che ricostruì la macchina in una maniera ancora migliore della prima versione, regalando al mondo un tessuto elegante e ricercato.

L’importazione dei telai di garza in Italia avvenne, invece, ad opera di Germano Fumagalli che si innamorò del telaio di garza a mano.

Caratteristiche della garza o grenadine

La garza o grenadine è un tessuto affascinante e misterioso, che vede luce sulle rive del Lago di Como. Qui la garza è tessuta secondo la tradizione su telai in legno che permettono, a partire dal movimento dei singoli fili, di creare progetti complessi.

In particolare, oggi tutti conoscono la grenadine o garza a giro inglese. Se nel tessuto tradizionale ordito e trama si sovrappongono, la realizzazione della garza grenadine prevede una terza dimensione che si intreccia con i fili precedenti. Il risultato è un tessuto leggero che facilita il passaggio della luce, come si può vedere in prima persona acquistando le cravatte in garza/grenadine Wilmok.

Se oggi abbiamo perso l’abitudine di usare la garza per creare vestiti sartoriali, la grenadine è diventata uno dei tessuti più lussuosi per dare vita alle cravatte. Pochi sanno che le cravatte in garza non sono solo in seta, ma anche in lana, cashmere e seta shantung o sono proposte in varie combinazioni di materiali. Anche i colori sono tanti e diversi, come si può vedere nella ricca offerta di Wilmok, e il risultato è una brillantezza unica della cravatta.

Le due tipologie di garza grenadine

Oggi sul mercato si trovano due tipologie di cravatta grenadine, quella a garza grande e quella a garza fine. La garza grande ha un motivo più visibile della garza fine e oltre a queste due varianti si conosce anche la Garza di Prometeo o la granatina finta.

La bellezza delle cravatte in garza grenadine

Oggi la garza grenadine è uno dei materiali più di lusso per la creazione di una cravatta e la cravatta in garza/grenadine diventa l’accessorio immancabile nelle occasioni formali. Non a caso questa cravatta è stata associata a uomini famosi come le star del cinema: pensiamo a Sean Connery in James Bond e a Frank Underwood in House of Cards.

In particolare, uno dei modelli più richiesti è la cravatta blu scuro che dona un’eleganza senza tempo al guardaroba ed è un must have per ogni uomo. Si tratta di una cravatta grenadine versatile e adatta alle occasioni formali di giorno e di sera, realizzata con la garza grossa e resa famosa da Sean Connery nel suo James Bond del 1962.

Come vedi, la cravatta in garza grenadine è uno degli accessori più eleganti che puoi avere nel guardaroba e rappresenta un investimento capace di resistere alle mode e alle tendenze in fatto di accessori da uomo. A questo punto non ti resta che acquistare la migliore cravatta in seta grenadine, scegliendo tra i tanti modelli e colori che trovi sul sito Wilmok.

Post meno recenti

0 Comments

Non ci sono ancora commenti. Sii il primo a postarne uno!

Lascia un commento

Si noti che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Italiano it